Vela 30 Maggio 2017 Torna alla lista
Share on pinterest

Che occhiali scegliere per navigare, quest’estate? I consigli degli atleti professionisti Julbo...

Il sole brilla, il mare è splendido, si avvicinano le vacanze... Tutti gli elementi sono riuniti per una gita sull’acqua, su una tavola o in barca. Ma prima di prendere il largo come tutti i buoni marinai, siete sicuri di avere gli occhiali giusti? In occasione di un meeting team Julbo in Bretagna, abbiamo passato il microfono a tre dei nostri atleti, esperti nel loro campo: Charline Picon (windsurf), Jonathan Lobert (vela leggera) e Fabien Delahaye (vela abitabile). Vi rivelano i loro consigli da professionisti... Non perdetevene neanche “una goccia”!

Che occhiali scegliere per navigare, quest’estate? I consigli degli atleti professionisti Julbo...

 

CHE OCCHIALI SCEGLIERE PER PRENDERE IL MARE CON GLI OCCHI BEN PROTETTI?

Charline Picon : "Se si pratica uno sport intenso, in cui si suda, consiglierei un modello aperto, senza montatura sul basso, per evitare il rischio di condensa. E se si prende acqua in faccia, partirei su un occhiale avvolgente. Sul windsurf, l'ideale è un mix tra i due. In ogni caso, è meglio avere una buona montatura tecnica! La nuova Regatta soddisfa bene questi criteri!"

 

Charline Picon découvre un prototype de la nouvelle Regatta, lors du team meeting en Bretagne.

 

Jonathan Lobert : Sul pelo dell’acqua come me, o su una barca di grosse dimensioni, evidentemente le condizioni e quindi le aspettative non sono le stesse. Ma in qualsiasi circostanza, direi che è importante sentirsi a proprio agio con gli occhiali che portiamo. Essi non devono provocare alcun fastidio. Non bisogna esitare quindi a provarne diverse paia

Fabien Delahaye :Una montatura che aderisce bene, al viso e sulla testa, è essenziale per me, perché non deve cadere quando salgo sulla barca o quando poso gli occhiali sulla fronte. I Race 2.0 sono ideali per un viso come il mio. Sono leggeri ed ergonomici. Non li sento addosso e allo stesso tempo mi sento ben protetto dal sole. Non passa neanche un raggio!

 

Race 2.0 – La regina dei mari.


È l'occhiale che Armel Le Cléac'h ha portato con sé intorno al mondo per la Vendée Globe 2016. La montatura arrotondata e panoramica permette uno sguardo che abbraccia l'orizzonte. Le lenti aerate offrono un'ottima ventilazione. Grazie al 3D Fit Nose e alle aste Grip Tech, questi occhiali rimangono al loro posto anche nelle situazioni peggiori. E con il cordino galleggiante, sarà facile ripescarli in caso di falsa manovra.

Autoportrait durant le Vendée Globe 2016

 

CHE LENTI SCEGLIERE PER UNO SGUARDO NITIDO SULL'ORIZZONTE?

CP : "Personalmente, preferisco la lente Polarized, ideale per distinguere i dettagli sulla superficie dell’acqua quando il vento è molto variabile e se si devono distinguere le folate. Ma non ho ancora provato le nuove fotocromatiche Octopus, e ne ho sentito parlare molto bene..."

 

FD : "Le lenti Octopus sono perfette per navigare quando il cielo è luminoso e si deve restare a lungo sul ponte o alla barra del timone. Il fatto che la tinta della lente si adatti alla luce è molto interessante, perché rende i colori splendidi, fa risaltare i contrasti e migliora la nitidezza. È un vero comfort. Grazie alla polarizzazione di queste lenti, i riflessi inutili sono eliminati. Una buona qualità di lente è in ogni caso indispensabile per vederci bene e per la qualità della prestazione"

 

 

E, PER UNA QUESTIONE DI STILE, CHE OCCHIALI USARE SULLA TERRA FERMA?

CP : "Mi piacciono i Beach. Sono adatti ai visi piccoli e quindi perfetti per le donne, e i colori sono moderni. Nel linguaggio della vela olimpica, si chiama modello "parking"! Nello stesso stile, trovo i Megève molto simpatici."

JL : "In questi ultimi tempi, ho portato spesso i Cortina. Mi piace il loro stile originale e fun. Li trovo piuttosto divertenti. Altrimenti ci sono i Coast, per chi non vuole essere troppo flashy! In ogni caso, è sicuro che lo stile conta, soprattutto quando si scelgono degli occhiali per il tempo libero."

FD : "I Powell, con la loro forma un po’ squadrata, moderna e leggera, con una scelta di diversi colori e il tocco fluo, mi piacciono molto. Sono piacevoli da indossare. E con le lenti Spectron brillanti, sui pontoni non si passa inosservati!"

 

Franck Cammas lors de la Julbo Sail Sessioin avec les Powell.

 

UN CONSIGLIO PER LA CURA O QUALCHE ASTUZIA DA CONDIVIDERE?

CP : "Per permettere all’acqua di scorrere meglio sulla lente, si può utilizzare del detersivo per i piatti, o un prodotto per i parabrezza per sgrassare la lente. Funziona piuttosto bene!"

JL : "Utilizzo spesso una visiera per navigare. Essa limita i riflessi sulla lente e soprattutto, quando si abbassa la testa, permette di evitare gli schizzi e mantenere la lente asciutta e pulita più a lungo."

FD : "Le salviette detergenti Julbo sono molto efficaci per una buona cura degli occhiali. Le raccomando vivamente!"

 

IL TOCCO IN PIÙ DI JULBO...

CP : "Le lenti da vista RXTrem! Sono fortunata a non avere bisogno di lenti correttive, ma per coloro che le devono portare è certo importante proteggersi dal sole, ma vederci chiaro lo è ancora di più!"

JL : "Gli occhiali galleggianti come i Wave o i nuovi Regatta sono molto utili quando si sa quanto costa oggi una montatura. Anche se noi, in gara, non possiamo fare marcia indietro!"

FD : "La possibilità di equipaggiarsi con una maschera quando le condizioni sono veramente molto umide! Permette di conservare una buona visione quando ci prendiamo delle “lavate” in barca..."

 

Photo de famille avec nos #JulboAthlete lors du meeting à la Trinité sur Mer en avril 2017. Notre designer, notre chef produit et notre responsable sport marketing sont vraiment bien entouré. Il manque quelques noms à l'appel, sauriez vous les nommer tous ?

 

 

 

 


Aggiungi un commento




Invia

The requested page concerns “Europe” market.

GO TO the
US version
Continue on
Europe version