Che sia al traguardo di una 8000 m, in piena corsa al largo o in spiaggia, durante le vacanze, una buona protezione contro il sole è indispensabile, dal momento che ci troviamo all’esterno. Secondo l'uso che ne facciamo, vi sono diversi indici di filtrazione o categorie di protezione solare per gli occhi. Ti aiutiamo a vederci più chiaro.

Da che cosa ci proteggono le lenti da sole?

Durante l’esposizione ai raggi solari, le pupille si restringono per filtrare la luce del sole, fino alla retina. In alcune situazioni, questo filtro naturale non è sufficiente. Le lenti solari devono proteggerti da:

la luce invisibile 

  • i raggi ultravioletti: fortemente nocivi per gli occhi. Se i raggi UVA sono poco pericolosi, gli UVB, invece, sono all'origine di scottature e numerosi sintomi che interessano la vista. 
  • gli infrarossi possono essere pericolosi per gli occhi, in condizioni estreme (alta montagna, deserto, ...), provocando disidratazione e aumento della temperatura. 

La protezione oculare tramite lenti in grado di bloccare il 100% dei raggi UV è quindi fondamentale. 

la luce visibile

I pericoli della luce visibile si manifestano con l'abbagliamento, stanchezza, fastidio e un possibile calo temporaneo della vista. Questo tipo di luce non ha sempre la stessa intensità, secondo il luogo, il clima, il rilievo... Per questo, vi sono diversi indici di filtrazione, volti a proteggere gli occhi da questi rischi. 

Qual è allora l'indice di filtrazione e/o la categoria di lente ideale?

Secondo la norma europea NF EN ISO 12312-1 2013, sugli occhiali da sole per uso generico, vi sono cinque categorie classificate secondo una scala che va da 0 a 4, in base alla percentuale crescente di luce filtrata. 

L'indice di filtrazione o la categoria di protezione solare sono la stessa cosa, essendo entrambi determinati dalla quantità di luce visibile che lasciano passare attraverso la lente. Più questo tasso di trasmissione è basso, più la lente è scura ed è questa tinta che gioca sull’abbagliamento, ma non sui raggi UV. Se cerchi la polivalenza, ti raccomandiamo la categoria 3, ideale per tutte le situazioni di soleggiamento. Per le altre, dipende dall’uso: "Che tipo di occhiali da sole scegliere per lo sport?"

Al di là della categoria, è importante anche prendere in considerazione il colore della lente che influisce sul comfort visivo e sul tipo di materiale per la qualità ottica.

Codifica

Categoria

Colore della lente

Indicazioni

Uso / Tempo

Tasso di trasmissione

A

0

Lente chiara o leggermente colorata

Comfort estetico

Interni, notte

80-100%

AB

1

Lente leggermente colorata

Bassa luminosità

Brutto tempo

43-80%

B

2

Lente mediamente colorata

Media luminosità

Medio soleggiamento

18-43%

C

3

Lente scura

Forte luminosità

Soleggiamento molto forte

8-18%

D

4

Lente molto scura

Luminosità eccezionale

Esposizione estrema

3-8 %


/!\  Le lenti di categoria 4 non sono autorizzate per la guida perché filtrano una quantità di luce troppo alta.



Per concludere, diffida del “sentito dire”: non è perché sono scure che le lenti ti proteggeranno dai raggi UV! Il colore ha un'influenza soltanto sulla luce visibile. Allora, prima di qualsiasi acquisto, accertati che sull'occhiale da sole figurino la norma europea CE e la dicitura 100% UV400: esse impongono ai fabbricanti alcune esigenze di costruzione e prestazioni in grado di offrirti dei modelli che bloccano i raggi luminosi di una lunghezza d'onda di 400 nanometri, coprendo così tutti i raggi UV. Le lenti Julbo appartengono tutte alla classe ottica 1 e garantiscono il 100% di protezione contro i raggi UVA, B e C. Rispetto a questo punto, fai anche attenzione agli occhiali fantasia per i tuoi bambini: Con gli occhi dei bambini non si scherza.