Quentin FILLON - MAILLET
© BEN_BECKER_julbo
Ski nordique
Quentin FILLON - MAILLET
Biathlon - 30 years

“Alla ricerca dell’eccellenza”

 

Ha il biathlon nel sangue! E il Giura scorre nelle sue vene. La carriera di Quentin Fillon-Maillet ha inizio a Saint-Laurent-en-Grandvaux, a dieci chilometri in linea d’aria dalla sede di... Julbo! Per il francese, è proprio in questo paesino in mezzo alle montagne, arroccato a 900 metri di altitudine, che è iniziato tutto. Nel paradiso dello sci nordico.

 

A casa dei Fillon-Maillet, da diverse generazioni si condivide la passione degli sport in piena natura. In escursione con gli sci, in bicicletta o a piedi, Quentin e la sua famiglia hanno esplorato ogni sottobosco del massiccio montuoso. Sotto la guida dei suoi genitori, a dieci anni scopre le gare di sci di fondo. Quattro anni dopo, con la carabina in spalla, debutta nel biathlon. Nominato campione di Francia della categoria cadetti nel 2008, l’adolescente inizia a sognare un destino professionale.

 

Dal sogno alla realtà

Nel 2010 è membro della nazionale francese juniores e nel 2012 l’atleta originario del Giura disputa la sua prima stagione in IBU Cup. Le sue prestazioni sono rapidamente notate dallo staff tecnico francese, che gli apre le porte della squadra nazionale A durante uno stage di preparazione a fianco di Fourcade, Béatrix, Bœuf... Nel 2014, Quentin Fillon-Maillet si ritrova a disputare la coppa del mondo al Grand-Bornand. Il suo primo brivido, con i grandi.

 

Nel gennaio 2015, Quentin sfiora le stelle aggiudicandosi il suo primo podio in coppa del mondo, alla mass start di Ruhpolding: il secondo posto, al termine di uno sprint da antologia con il tedesco Simon Schempp, che lo supera al photo-finish di soli otto centimetri! Ancora oggi, il suo più bel ricordo.

Dall'ombra alla luce

Ormai in orbita, il biathleta prosegue la sua ascesa gli anni successivi. Anche se la medaglia olimpica gli sfugge ai Giochi olimpici di Pyeongchang 2018, raggiunge le stelle nella mass-start di Antholz-Anterselva nel 2019, quando si aggiudica la sua prima vittoria in coppa del mondo. La sua più grande emozione.

 

Nel 2020, Quentin Fillon-Maillet, per lungo tempo all’ombra del maestro Martin Fourcade, si ritrova in piena luce. Temibile sugli sci e imperturbabile dietro la carabina che lui stesso ha fabbricato, brilla nei Mondiali (oro nella staffetta, argento alla mass-start e lo sprint) e sale sul podio della coppa del mondo, esemplare in tutte le discipline individuali: secondo nello sprint, terzo in inseguimento, terzo nell’individuale, secondo nella mass-start. Un’ascensione folle!

 

Impressionante per la sua regolarità, Quentin Fillon-Maillet si afferma come il nuovo leader della squadra dei “bleus”. Sempre più ambizioso, oggi ha occhi soltanto per le medaglie olimpiche e le coppe di cristallo. Due obiettivi all'orizzonte.

 

- Related news -